Massimo Meda

L'arte di Massimo Meda

Nella boutique Giuseppe Ciletti troverete alcune delle opere più belle del maestro Massimo Meda, padre del Tridimensionalismo, tecnica unica e inimitabile da lui concepita.

Biografia
Massimo Meda
È nato a Vimercate (MB) il 30 aprile 1959. Sin da piccolo rivela spiccati e diversi interessi artistici. Si qualifica giovanissimo, vincendo importanti premi di pittura.

Contemporaneamente, sotto la guida del maestro Alberto Mozzati, si diploma in pianoforte al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano.
Continua con mostre estemporanee personali, e, mentre cerca la sua vera personalità, si esibisce in brillanti concerti. Frequenta il liceo artistico Milano dove viene bocciato al secondo anno per le sue idee troppo moderne ed inusuali sull’arte e su questo suo nuovo modo di dipingere. Non viene capito dai suoi insegnanti… ma continua lo stesso la sua strada e il suo maestro diventa la natura.

Intanto incide il suo primo disco, nel 1990, che riscuote successo di pubblico e di critica. Il suo studio pittorico si rivolge verso una tecnica nuova, inimitabile, che deve dare un’emozione a chi la guarda “il Tridimensionalismo”. Con le innumerevoli richieste delle sue opere, cresce anche la voglia di migliorare. Anche con il pianoforte, brillante nella tecnica, che è sempre al servizio dell’espressione e del suono, emoziona il pubblico e incide altri due dischi nel 1993, che vengono venduti in tutto il mondo.
Con il passare degli anni, continuando a sperimentare, anche con la chimica, mette a punto un colore unico, di qualità superiore, che reagisce alla luce del sole svelando una luminescenza e un’intensità cromatica senza pari.

Di notte la reazione avviene con la luce agli ultravioletti , creando un’atmosfera e una visione ancora più viva ed entusiasmante.
Qui si vede la grande personalità di questo artista, che è tanto forte da far riconoscere le sue opere immediatamente, anche a grande distanza e agli occhi di un bambino. A questo punto della sua vita, la pittura prende quasi tutto il suo tempo, e la musica rimane una nostalgia segnata nei suoi quadri con i pianoforti. Massimo Meda si deve considerare maestro e capostipite di questa tecnica modernissima, che allo stesso tempo è leggibile a tutti, il “Tridimensionalismo”.

Ormai il suo gusto nel colore, nel disegno, nell’architettura, e in tutto il suo modo di vita, lo portano ai vertici dell’arte contemporanea. Le sue opere sono apprezzate in tutto il mondo, per capirlo… basta guardarle…
La vita è come il fiume, noi lo percorriamo lentamente con la nostra piccola barca, senza fermarci mai… Intanto cogliamo qualche frutto, dalle piante della riva per nutrirci… poi beviamo qualche sorso d’acqua per dissetarci…
E usiamo il sole per scaldarci… Fino a che un giorno, al tramonto, arriveremo al mare…
Questa è la vita.

Massimo Meda